Home
About
Performances
Media
Repertoire
Home
About
Performances
Media
Repertoire
Contact
 PROFESSIONAL C.V.
(English version)
 
 
 
BIOGRAPHY
Giacomo Bigoni
 
_MG_3100-17-1
ukusa
 
Giacomo Bigoni was born in 1991 in Reggio Emilia from parents amateur choir singers. He has come closer to the musical world since a very young age, and at the age of 8 he has begun studying the classical guitar in the conservatoire of his city, the Musical Institute Achille Peri in Reggio Emilia, where he has studied with Claudio Piastra, completing both Bachelor (in 2010) and Masters (in 2012) Degrees with top marks and a Distinction. In 2012 he has subsequently moved to London, obtaining after one year the Artist Diploma in Performance at the Royal College of Music, studying with Carlos Bonell and Gary Ryan. He has also followed the courses for a second Artist Diploma at the Guildhall School of Music & Drama with Robert Brightmore for one year, kindly supported by a full Leverhulme Arts Trust scholarship. In 2014 he has been appointed Guitar Professor in the Musical Institute of Reggio Emilia and Castelnovo ne' Monti.
 
A polyhedral classical performer, he's deeply active in the fields of soloist repertoire, chamber music, orchestral repertoire, arrangements and teaching, as well as some modern fusion-style guitar. He plays regularly in duet with violinists Francesco Ionascu (Exhibition Duo) and Tiberiu Anton Horvath. He has been for many years conductor of the Guitar Orchestra of the Conservatoire of Reggio Emilia, performing in more than 30 concerts all throughout Italy. He has also received masterclasses by artists like Alirio Diaz, Roland Dyens, Vladimir Mikulka, Michael Lewin, Flavio Cucchi, Francesco Biraghi, Carlos Bonell, Olivier Pelmoine, Graham Anthony Devine. He has also had TV and radio appearances on Vatican Radio (for which he has had the honour to record a solo recital), Telereggio and C-Radio Web, and in 2014 he has published his first solo album, "Take Time", published by Discoland Records, rewieved with great acclaim by the most important Italian music magazines. In 2015 he has launched his first official video, being the first guitarist (with the exception of the composer) to record the revolutionary piece "Benga Beat", masterpiece for guitar by Gary Ryan. which combines innovative percussion techniques and unique African-flavoured sounds in a thrilling juice of melodies and rhythms of World Music style.
 
In his professional career he has performed all throughout Italy, in UK, Spain, Switzerland and Romania. During his stay in London, he has made his debut at the Bolivar Hall within the 2013 London Guitar Series. He has given recitals in many important concert series and on prestigious stages: among others, Maestros de la Guitarra (La Herradura, Andalucìa), Ateneul Roman (Filarmonica G. Enescu, Bucarest), Bistrita (Romania), Auditorium Maximum, Toamna Muzicala Clujeana, Academia de Muzica "Gheorghe Dima" and Diesel Club (Cluj-Napoca), Royal College of Music, Purley Classics, Festival di Bellagio e del Lago di Como, Cremona, Sala Assunta (Città del Vaticano), Sant'Eligio degli Orefici (Roma), Festival Chitarristico Internazionale Estate a 6 Corde, Pescara International Music Festival, Teatro al Parco (Parma), Sala Bossi e San Giacomo Festival (Bologna), Auditorium G. Nicolini (Piacenza), Spazio Icarus, Sala del Tricolore e Rotary Club (Reggio Emilia), Fondazione Benetton, Accademia Tadini (Lovere), Casa Menotti (Spoleto, Italy), Einstein (Aarau, CH). In March 2016 Giacomo has been invited to perform the Concierto de Aranjuez by Joaquin Rodrigo with the State Philharmonic Orchestra 'Transylvania' in Cluj-Napoca (Romania), under the baton of Tiberiu Soare, with a huge acclaim from the audience. Giacomo is the proud player of a 2013 Stephen Hill cedar concert guitar.
 
Giacomo is a multi-award winner: among others, Undisputed 1st Prize at the International Competition Città di Treviso in 2013, 1st Prize at the Guitar Competition Antonio Salieri (Legnago, Italy) in 2014, 3rd Prize (with 1st not assigned) at the Guitar Competition Città di Celano in 2013, and the Augusto Del Rio Scholarship as the best graduated of the Conservatoire of Reggio Emilia in 2010.

 
"A versatile and natural talent. A tremendous guitar player with technical excellence and instinctive passion, who honours our city abroad".
Prima Pagina, Reggio Emilia

 
"A young, talented artist totally unconnected to the traditional concertism's bad habits and mincing ways (it's definitely a great experience to listen to him live). Music of rare elegance, precision and freedom: the three keywords of the whole CD and of Giacomo Bigoni's performing and interpreting skills".
Fingerpicking.net / Chitarra Acustica

 
"A truly respectful personal mind. The result is artistically convincing".


"This guy has so much talent, he'll get ahead in his musical career! [...] I have known him since he was 16 years old. He's a very talented guitarist, with excellent musical skills and technical presence. He is dedicated and hard working. I recommend him without hesitation!" 

"Giacomo Bigoni has chosen for his debut album some of the most emblematic and attractive works of the guitar repertoire. He reveals in all his playing enthusiasm and artistry, qualities which I hope will take him a long way as a concert artist.
In addition, his interest in new music has resulted in a recording of La Notte di Penelope, a beautiful work by talented Sicilian composer Rosolino Di Salvo.
Tango supremo Piazzolla is represented by two works that helped make him a universal composer, and who better to play them with Giacomo than the velvet-toned Florentine violinist Tiberiu Anton Horvath?
Less than 150 years separate all the compositions, yet they are as varied and extraordinary as the times in which they were composed. Giacomo has chosen wisely, so take time to listen to Take Time!"
Carlos Bonell - Senior Professor at the Royal College of Music


"His performances are always convincing, and his musical ideas always clear to be listened". 
Gary Ryan - Assistant Head of Strings at the Royal College of Music


"Just turned 20, he appears on the musical scene as an unquestionable talent". 
Gazzetta di Reggio - Italian newspaper 
 

"Assured, mature... charismatic". 
Libertà - Italian newspaper


"The interpretation of the Concierto de Aranjuez for guitar and orchestra by Spanish composer Joaquin Rodrigo has been of high level. Guitar is a warm-tone but low-volume instrument, but Giacomo Bigoni has managed to bring it up among all the orchestral instruments. The soloist, joint with the orchestra, has managed to communicate to the audience some great emotions and warmth with his performance, despite the challenging and virtuosity of some fragments of the music writing of the Concierto. [...] It's been an exceptional evening, with exceptional personalities!"
ClujToday - newspaper of Cluj-Napoca (Romania)
 
 
 
______________________________________________________________________________
 
 
BIOGRAFIA
Giacomo Bigoni
 
 
 
Giacomo Bigoni nasce a Reggio Emilia nel 1991 da genitori coristi dilettanti. Si avvicina al mondo della musica fin da piccolissimo, e all'età di 8 anni inizia lo studio della chitarra classica, iscrivendosi al conservatorio della sua città, l'Istituto Musicale Achille Peri di Reggio Emilia, dove ha studiato con Claudio Piastraottenendo i diplomi con lode di 1° Livello (2010) e 2° Livello (2012). Si trasferisce a Londra nel 2012, ottenendo a pieni voti un anno dopo l'Artist Diploma in Performance al Royal College of Music, studiando con Carlos Bonell e Gary RyanHa inoltre seguito per un anno gli studi per un secondo Artist Diploma alla Guildhall School of Music & Drama con Robert Brightmoregentilmente supportato da una borsa di studio completa assegnata dal Leverhulme Arts TrustDal 2014 è docente di Chitarra ai Corsi Pre-Accademici presso l'Istituto Superiore di Studi Musicali di Reggio Emilia e Castelnovo ne' Monti.
Chitarrista classico poliedrico, è profondamente attivo sia come solista, camerista, con repertorio orchestrale, arrangiamenti e come insegnante, oltre che nel più moderno stile fusion guitar. Si esibisce regolarmente in duo con i violinisti Francesco Ionascu (Exhibition Duo) e Tiberiu Anton Horvath. È da anni direttore dell'Orchestra di Chitarre del Conservatorio di Reggio Emilia, con la quale si è esibito in oltre 30 concerti in tutta Italia. Si è inoltre perfezionato con artisti come Alirio Diaz, Roland Dyens, Vladimir Mikulka, Michael Lewin, Flavio Cucchi, Francesco Biraghi, Carlos Bonell, Olivier Pelmoine, Graham Anthony Devine. Ha avuto apparizioni televisive e radiofoniche su Radio Vaticana (per la quale ha avuto l'onore di registrare un recital solista), Telereggio e C-Radio Web, e nel 2014 ha pubblicato il suo primo album solista, "Take Time", edito da Discoland Records e applaudito da recensioni molto positive delle più importanti riviste italiane di chitarra. Nel 2015 ha pubblicato il suo primo videoclip ufficiale, diventando il primo chitarrista (con l'eccezione del compositore stesso) a registrare il rivoluzionario brano di Gary Ryan "Benga Beat", capolavoro che combina innovative tecniche di percussione e sonorità di sapore africano in un coinvolgente cocktail di melodie e ritmi in stile World Music.
 
Nella sua carriera concertistica si è esibito in tutta Italia, in Regno Unito, Spagna, Svizzera e Romania. Durante il soggiorno a Londra, ha debuttato nel 2013 alla Bolivar Hall nell'ambito delle London Guitar Series. Vanta partecipazioni recitalistiche a diverse importanti rassegne e in palcoscenici di rilievo: si ricordano tra gli altri Maestros de la Guitarra (La Herradura, Andalucìa), Ateneul Roman (Filarmonica G. Enescu, Bucarest), Bistrita (Romania), Auditorium Maximum, Toamna Muzicala Clujeana, Academia de Muzica "Gheorghe Dima" e Diesel Club (Cluj-Napoca), Royal College of Music, Purley Classics, Festival di Bellagio e del Lago di Como, Cremona, Sala Assunta (Città del Vaticano), Sant'Eligio degli Orefici (Roma), Festival Chitarristico Internazionale Estate a 6 Corde, Pescara International Music Festival, Teatro al Parco (Parma), Sala Bossi and San Giacomo Festival (Bologna), Auditorium G. Nicolini (Piacenza), Spazio Icarus, Sala del Tricolore e Rotary Club (Reggio Emilia), Fondazione Benetton, Accademia Tadini (Lovere), Casa Menotti (Spoleto), Einstein (Aarau). A Marzo 2016 è stato invitato ad interpretare il Concierto de Aranjuez di Joaquin Rodrigo con l'Orchestra Filarmonica di Stato 'Transilvania' di Cluj-Napoca (Romania), sotto la bacchetta di Tiberiu Soare, riscuotendo un grandissimo successo di pubblico. Giacomo suona orgogliosamente una chitarra in cedro del 2013 costruita da Stephen Hill.
 
E' risultato vincitore di numerosi premi, tra cui si ricordano il 1° Premio Assoluto al Concorso Internazionale Città di Treviso nel 2013, il 1° Premio al Concorso Chitarristico Antonio Salieri (Legnago) nel 2014, il 3° Premio (con 1° non assegnato) al Concorso Chitarristico Città di Celano nel 2013, e la Borsa di Studio Augusto Del Rio come miglior diplomato dell'Istituto Peri nel 2010.

 
"Un talento che gli inglesi ci invidiano". 
Prima Pagina, Reggio Emilia

 
"L'artista è un giovane talentuoso ma assolutamente scollegato da vezzi e tic del concertismo tradizionale (è davvero una bella esperienza ascoltarlo dal vivo). Musica di rara eleganza, precisione e libertà: le tre parole chiave dell'intero CD e delle capacità esecutive e interpretative di Giacomo Bigoni". 
Fingerpicking.net / Chitarra Acustica

 
"Un pensiero personale di tutto rispetto. Il risultato è artisticamente convincente". 
Seicorde


"Questo ragazzo ha tanto talento, farà strada nel mondo musicale! [...] Lo conosco da quando aveva 16 anni. E' un chitarrista profondamente talentuoso, dotato di ottime qualità musicali e padronanza tecnica dello strumento. Ha grande passione e lavora sodo. Lo raccomando senza esitazione!"

"Giacomo Bigoni ha scelto per il suo debutto discografico alcuni dei brani più emblematici e affascinanti del repertorio del nostro strumento. Parlando di Giacomo parliamo di un chitarrista che suona sempre con grande entusiasmo e senso artistico profondamente personale, qualità che credo siano molto importanti per un musicista destinato, mi auguro, a intraprendere una carriera concertistica di successo. Inoltre la sua passione per la musica contemporanea lo ha spinto a includere nel CD La Notte di Penelope, un bellissimo pezzo del talentuoso compositore siciliano Rosolino Di Salvo.
Il supremo esponente del tango, Astor Piazzolla, è qui rappresentato da due opere che hanno grandemente contribuito a farne un compositore universale: e chi poteva accompagnare meglio Giacomo del violinista fiorentino Tiberiu Anton Horvath, un raffinato musicista dal suono vellutato?
Meno di 150 anni intercorrono fra tutte le composizioni del disco, ma esse sono tanto variate e straordinarie quanto i periodi storici della loro composizione. Giacomo ha scelto bene, prendetevi il tempo per ascoltare Take Time!"

Carlos Bonell - Senior Professor al Royal College of Music

 

"Le sue interpretazioni sono sempre convincenti e sicure, e le sue idee musicali sempre chiare all'ascolto".

Gary Ryan - Assistant Head of Strings al Royal College of Music


"Appena ventenne, si presenta sulla scena musicale come un indiscutibile talento".

Gazzetta di Reggio - quotidiano di Reggio Emilia (Italia)

 

"Sicuro, maturo... carismatico".

Libertà - quotidiano di Piacenza (Italia)


"L'interpretazione del Concierto de Aranjuez per chitarra e orchestra del compositore spagnolo Joaquin Rodrigo è stata di grande livello. Nonostante la chitarra sia uno strumento con un suono molto caldo ma di volume ridotto, Giacomo Bigoni ha saputo farla emergere tra tutti gli strumenti dell'orchestra. Il solista, insieme all'orchestra stessa, è riuscito a trasmettere al pubblico grandissima emozione e calore con la sua interpretazione, nonostante la difficoltà e virtuosità di alcuni frammenti della scrittura del Concierto. [...] E' stata una serata eccezionale, con personalità eccezionali!"
ClujToday - quotidiano di Cluj-Napoca (Romania)
 

 
Site Map